Monaco Energies Renouvelables (M.E.R.)

Per accompagnare Monaco nella transizione verso una società zero emissioni di carbonio entro il 2050, nel 2017 il Governo del Principato e la Société Monégasque de l’Électricité et du Gaz (SMEG) hanno unito le loro competenze creando la società Monaco Energies Renouvelables (M.E.R.) per far sì che Monaco disponga di capacità di produzione di elettricità verde al 100% corrispondenti al consumo del territorio. Al fine di coprire al meglio il fabbisogno del Principato, il Governo ha definito un mix target di tecnologie tra il fotovoltaico, l’eolico e l’idroelettrico.
 

Il fotovoltaico

Nel 2018, Monaco Energies Renouvelables aveva annunciato l’acquisizione di otto parchi fotovoltaici per una capacità di produzione totale di 39 MW di picco, ripartiti tra sette dipartimenti del sud della Francia.

Gli impianti acquisiti garantiscono una produzione totale di 46.000 MWh / anno, ossia circa il 9% del consumo elettrico del Principato di Monaco. Thomas Battaglione, Amministratore e Direttore Generale della SMEG e Amministratore delegato della M.E.R. aveva quindi dichiarato: “La SMEG, in quanto produttore e operatore di energia, affianca lo Stato di Monaco offrendo la propria competenza nel settore delle energie rinnovabili, individuando le migliori opportunità di sviluppo e assicurando i migliori rendimenti di esercizio possibili”. 

L’eolico

La M.E.R. ha deciso che a fine 2020 acquisirà tre progetti sviluppati da ABO Wind. Questo partenariato con una delle imprese di riferimento a livello mondiale in materia di sviluppo eolico ha permesso la costruzione di tre parchi (comprendenti tra 2 e 4 pale eoliche per progetto), di cui due nella Charente e uno nel dipartimento della Côtes d’Armor.

Le pale eoliche che sono state prese in considerazione sono di marca Vestas e Nordex, due fabbricanti leader, per potenze unitarie comprese tra 2 e 2,5 MW e di altezza compresa tra i 145 e i 160 m.

Costruite in zone favorevoli caratterizzate dalla giusta quantità di vento, tali pali eoliche garantiranno una produzione annua cumulativa di 57 GWh l’anno, ossia il 10% del consumo elettrico del Principato. A complemento dei parchi fotovoltaici che producono solo durante il giorno e con un picco di produzione verso mezzogiorno compatibilmente con il picco di consumo elettrico del Principato legato alla climatizzazione, le centrali eoliche potranno quindi garantire una copertura del consumo “base” del territorio anche durante la notte.

All’alba del 2021, con 10 parchi fotovoltaici e 3 parchi eolici, la M.E.R. si è assicurata il controllo di 75 MW di energie rinnovabili, ossia il 25% del consumo del Principato.